La cucina teramana | Hotel Florida - Benvenuti a Silvi Marina

PRENOTA ORA

X

BEST RATE GUARANTEED

Arrivo
Notti
Camere Persone  

La cucina teramana

L'arte culinaria teramana, una tra le più apprezzate cucine d'Abruzzo, era un tempo chiamata "cucina povera" per l'utilizzo delle materie prime che nascevano dalla terra e il loro uso semplice. Oggi è diventata sinonimo di eccellenza e qualità grazie alla capacità di evoluzione ma pur continuando a mantenere vive le radici culinarie del territorio.

Così i molteplici prodotti tipici di Teramo e provincia sono stati riscoperti e valorizzati: il pescato della costa ma anche l'olio e il vino dell'entroterra, senza dimenticare i formaggi come il pecorino Marcetto e di Atri la produzione di miele, la carne ovina....

 

Ricette del territorio

Ravioli dolci di ricotta

Ingredienti (per 6 persone):
500 gr. di ricotta molto fresca, ½ bustina di cannella in polvere, una grattugiata di buccia di limone, 2 tuorli d’uovo, 4 uova intere, farina quanta viene assorbita dalle uova, un pizzico di sale, 200 gr. di zucchero.
 
Preparazione:
Disporre la farina a fontana, rompere le 4 uova e lavorare il tutto sinchè la pasta non risulti liscia e fare la sfoglia. Precedentemente saranno stati amalgamati in una terrina lo zucchero, la ricotta, la cannella, la buccia di limone e i 2 tuorli d’uovo. Sulla striscia di pasta disporre, ad intervalli uguali, un po’ di ripieno. Ricoprire la striscia con un’altra striscia. Tagliare il contorno a forma di mezzaluna e pigiare il bordo del raviolo con una forchetta, per evitare che, una volta nell’acqua, possa riaprirsi. A cottura ultimata, condire con sugo o con zucchero e cannella.

Maccheroni con le ceppe

Preparazione:
Si dispone sulla spianatoia la farina a fontana, se ne fa un impasto con le uova e l'acqua necessaria, si amalgama il tutto e lo si lavora fino ad ottenere un impasto omogeneo, lo si unge con l'olio, lasciandolo riposare in una terrina per 30 minuti; quindi si divide la pasta in tanti pezzetti uguali che verranno allungati per circa 15 cm. l'uno.
Poi con "certosina" pazienza si avvolge ognuno di questi maccheroni ad un sottile ferro da calza senza cromatura, così da ottenere dei maccheroni col buco. Si fa bollire dell'acqua, la si sala e si aggiunge la pasta per 10 / 15 minuti.
 
Una volta scolata, la si condirà con abbondante ragù saporito e rigorosamente a base di carne, spolverando il tutto con pecorino o parmigiano grattugiato, altra variante di condimento assai gustosa è quella con zucchine trifolate con cipolla e pinoli, oppure con melanzane o ciò che la stagione suggerisce.

 

Ricette del territorio

Sfogliatelle di Natale

Ingredienti per circa 30 pezzi:
uova 6, strutto 6 cucchiai, farina 300 - 400 gr., zucchero 2 cucchiai, marmellata mista 500 gr., cioccolato fondente tritato 150 gr., mandorle tostate e tritate 150 gr., cedro tritato 100 gr., rhum o cognac 1/2 bicchiere
 
Preparazione:
Dopo aver amalgamato a parte la marmellata e tutti gli ingredienti per il ripieno, disporre su una tavola di legno la farina a fontana. Lavorare la pasta insieme con le uova, l’acqua, lo zucchero e lo strutto misurato a cucchiaini. Dividere la “massa” in 6 panette e stenderle in sfoglie circolari piuttosto sottili. Sovrapporre le 6 sfoglie, ungendo con lo strutto i vari strati sino all’ultimo. Arrotolare il tutto, dandogli la forma di un lungo cilindro del diametro di 6-7 cm. circa. Tenere per qualche ora in frigorifero o all’aperto.
 
Tagliare ancora la pasta a dischi dello spessore di 1 cm. con un coltello piuttosto caldo (la parte più tiepida, cioè quella che viene toccata per ultima con il coltello, deve essere rivolta verso la tavola di legno) e far rotolare dalla parte opposta il matterello per assottigliare la pasta. Porvi sopra un paio di cucchiai del ripieno e coprirlo con la stessa pasta a mò di raviolo. Schiacciare i contorni e far cuocere nel forno abbastanza caldo per circa 15 minuti (la pasta dovrà sollevarsi, ma non dorarsi). A cottura ultimata, spolverare le sfogliatelle con zuccheroa velo.

Arrosticini Abruzzesi

Un gustoso secondo piatto di carne tipico della tradizione culinaria abruzzese con carne di ovino cotta su un braciere chiamato fornacella. Semplice da riproporre anche a casa per una serata in famiglia o in attesa di assaporare quelli del nostro ristorante. Ti consigliamo di utilizzare una ghiglia in ghisaleggermente unta.
 
Ingredienti per 4 persone
Pecora 1 kg; Sale fino q.b.
 
Preparazione:
Tagliate la carne a cubetti omogenei di circa 1 cm. Infilate la carne negli spiedini e ripetete il procedimento per tutti gli arrosticini fino a esaurimento degli ingredienti.
Cuoceteli sulla fornacella, girandoli e salandoli a metà cottura. Cuoceteli fino a doratura.
Serviteli caldi accompagnati da pane tostato.
 
Mangiare gli arrosticini è un'esperienza culinaria, vanno serviti al centro della tavola in mazzi o fasci da 20/50 pezzi avvolti in carta d'alluminio per mantenerli caldi.
Gli arrosticni vanno mangiati con le mani, sfilando la carne con i denti, e assolutamente non vanno serviti nel piatto!

 

La Migliore Tariffa Disponibile

Sul nostro sito web ufficiale vi garantiamo sempre la migliore tariffa disponibile. Per questo prenotare direttamente da questo sito conviene! Scopri tutte le promozioni per l'estate in Abruzzo.

Pagamenti Sicuri Al 100%

Per la conferma della prenotazione con carta di credito questo sito utilizza un server sicuro, secondo lo standard mondiale di cifratura Secure Socket Layers (SSL).

Assistenza Costante

Siamo sempre a tua disposizione, dalla prenotazione fino alla ricerca della miglior soluzione di soggiorno. Contattaci al numero tel. (+39)085.930153 o via mail info@hotelfloridasilvi.com